• Edizioni di altri A.A.:
  • 2016/2017
  • 2017/2018
  • 2018/2019
  • 2019/2020
  • 2020/2021
  • 2021/2022

  • Lingua Insegnamento:
    Italiano, con seminari facoltativi di approfondimento in Inglese 
  • Testi di riferimento:
    Per i FREQUENTANTI si consiglia:
    Pasquale Pistone, Diritto Tributario Internazionale, Torino, GIAPPICHELLI, ultima edizione.
    Per i NON FREQUENTANTI si consiglia:
    Roberto Cordeiro Guerra, Diritto Tributario Internazionale. Istituzioni; CEDAM, ultima edizione.
    In relazione alla parte di programma relativa all'IVA nei rapporti internazionali ed ai tributi doganali, si rinvia allo studio degli specifici paragrafi del manuale di F. Tesauro, Istituzioni di Diritto tributario Vol. 2 (parte speciale), Torino, UTET, ultima edizione.
    Per coloro che FREQUENTANO i SEMINARI di approfondimento in Inglese, si consiglia:
    Marjaana Helminen, EU Tax Law - Direct Taxation, IBFD, Amsterdam, ultima edizione versione E-BOOK
    La normativa nazionale, convenzionale e comunitaria nonché la documentazione giurisprudenziale e la prassi amministrativa può essere rinvenuti nel sito internet del Ministero dell’Economia e delle Finanze (http://def.finanze.it/DocTribFrontend/RS1_HomePage.jsp), nel sito dell’International Bureau of Fiscal Documentation (www.ibfd.com) e nel sito OECD http://www.oecd.org/tax 
  • Obiettivi formativi:
    Il corso si pone l’obiettivo di fornire una preparazione approfondita e specialistica sui diversi modelli impositivi presenti negli ordinamenti degli Stati, sulle problematiche della tassazione su base internazionale delle persone fisiche e delle società con particolare riferimento ai flussi di reddito infrasocietari, alla pianificazione fiscale internazionale ed, infine, al commercio internazionale ed ai profili comunitari ed internazionali dell’imposizione indiretta. L’insegnamento mira a fornire allo studente gli strumenti terminologici, concettuali ed argomentativi per comprendere le dinamiche applicative della fiscalità internazionale con particolare riferimento alla fiscalità delle persone fisiche, delle società e del commercio internazionale. 
  • Prerequisiti:
    E’ consigliabile sostenere l’esame solo dopo aver sostenuto gli esami di Diritto Internazionale, Diritto dell’Unione Europea, Diritto Commerciale e Diritto Tributario, ove previsti dai programmi di studio. 
  • Metodi didattici:
    Lezioni classiche in Italiano e seminari facoltativi di approfondimento in Inglese, dedicati allo studio dei materiali della tassazione internazionale
    Agli studenti interessati all’assegnazione delle tesi si consiglia di frequentare le lezioni.
    In particolare la didattica di base verrà svolta con metodo classico in lezioni di 2 ore ciascuna, in base al calendario accademico ed all’orario approvato. Nel corso delle lezioni si favorirà l’interazione fra docente e studenti, verbalmente, prendendo spunto dai profili di maggiore interesse dei temi trattati.
    I seminari di approfondimento -sempre di 2 ore ciascuno, in base a a calendario ed orario approvati- verranno svolto prevalentemente in lingua Inglese, ed avranno ad oggetto lo studio dei materiali e della documentazione su cui è imperniata la fiscalità internazionale (trattati internazionali, sentenza delle Corti Europee ed Internazionali, modulistica e contrattualistica internazionale ecc.). 
  • Modalità di verifica dell'apprendimento:
    E' vivamente consigliato sostenere l'esame soltanto dopo aver superato l'esame di Diritto Tributario.
    Lo svolgimento dell'esame avverrà in forma orale, mediante formulazione di tre domande, su parti differenziate del programma. Ad ogni domanda/risposta sarà attribuito lo stesso peso; il voto sarà espresso in trentesimi.
    La frequenza è facoltativa, ma vivamente consigliata; la prova finale sarà identica per frequentanti e non, salvi i diversi testi consigliati. 
  • Sostenibilità:
    Si, conforme alle esigenze della sostenibilità 
  • Altre Informazioni:
    Ricevimento studenti: Prof. Lorenzo del Federico: ogni mercoledì pomeriggio dalle ore 14,30 alle 16,30 presso il Dipartimento di Scienze Giuridiche e Sociali. Altri collaboratori di cattedra: ogni mercoledì pomeriggio dalle ore 14,30 alle 16,30 sempre presso il Dipartimento di Scienze Giuridiche e Sociali.
    Numero di telefono: 085/4537621; E-mail: lorenzo.delfederico@unich.it
    Agli studenti interessati all’assegnazione delle tesi si consiglia vivamente di frequentare le lezioni. 

1) LA TASSAZIONE DEI NON RESIDENTI E LE CONVENZIONI CONTRO LE DOPPIE IMPOSIZIONI
- Le fonti.
- Le diversità dei moduli impositivi tra residenti e non residenti.
- Il luogo di produzione del reddito e la residenza delle persone fisiche e delle società.
- La determinazione dell’imponibile degli enti e delle società commerciali non residenti e la nozione di stabile organizzazione.
- I metodi di eliminazione della la doppia imposizione.
- Le convenzioni contro le doppie imposizioni.
2) LE IMPRESE MULTINAZIONALI ED I FLUSSI DI REDDITO INFRASOCIETARI.
- Le imprese multinazionali. Joint ventures e gruppi di società.
- I gruppi di società nell’ordinamento italiano.
- La tassazione dei dividendi intragruppo.
- La tassazione consolidata dei gruppi di società in Italia.
- Il regime dei dividendi esteri (europei ed extra U.E.) nell’ordinamento nazionale.
- Il problema della doppia imposizione giuridica. Credito d’imposta ed esenzione.
- La tassazione dei dividendi nel Modello OCSE (art. 10) e la nozione di “beneficiario effettivo”.
- La Direttiva Madre-Figlia (n. 90/435/CE).
- La tassazione degli interessi e delle royalties nell’ordinamento comunitario e nel Modello OCSE.
3) L’IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO. PROFILI TRANSNAZIONALI E COMUNITARI.
- Le fonti.
- L’Iva intracomunitaria. Tassazione nel paese di origine o di destinazione.
- IVA, tassazione dei consumi e tributi doganali.
- Le cessioni IVA all’esportazione ed all’importazione.
- Il commercio elettronico.
- I controlli fiscali e lo scambio di informazioni.
4) LA PIANIFICAZIONE FISCALE INTERNAZIONALE
- Evasione, elusione e legittimo risparmio di imposta.
- Le tecniche elusive infragruppo.
- Il transfer pricing. I diversi metodi di determinazione del prezzo di trasferimento. L’eliminazione delle doppie imposizioni in caso di rettifica di prezzi di trasferimento.
- La thin capitalization.
- La disciplina sulle Controlled Foreign Companies.
- Interposizione e trust.

Dipartimento di afferenza: SCIENZE GIURIDICHE E SOCIALI
Numero di telefono: 085/4537621
E-mail: lorenzo.delfederico@unich.it
Semestre: II° (SECONDO)- mutuo CLEC-M sul corso di Diritto Tributario Internazionale
Lingua insegnamento
Italiano, con seminari facoltativi di approfondimento in Inglese
Contenuti
1) LA TASSAZIONE DEI NON RESIDENTI E LE CONVENZIONI CONTRO LE DOPPIE IMPOSIZIONI
- Le fonti.
- Le diversità dei moduli impositivi tra residenti e non residenti.
- Il luogo di produzione del reddito e la residenza delle persone fisiche e delle società.
- La determinazione dell’imponibile degli enti e delle società commerciali non residenti e la nozione di stabile organizzazione.
- I metodi di eliminazione della la doppia imposizione.
- Le convenzioni contro le doppie imposizioni.
2) LE IMPRESE MULTINAZIONALI ED I FLUSSI DI REDDITO INFRASOCIETARI.
- Le imprese multinazionali. Joint ventures e gruppi di società.
- I gruppi di società nell’ordinamento italiano.
- La tassazione dei dividendi intragruppo.
- La tassazione consolidata dei gruppi di società in Italia.
- Il regime dei dividendi esteri (europei ed extra U.E.) nell’ordinamento nazionale.
- Il problema della doppia imposizione giuridica. Credito d’imposta ed esenzione.
- La tassazione dei dividendi nel Modello OCSE (art. 10) e la nozione di “beneficiario effettivo”.
- La Direttiva Madre-Figlia (n. 90/435/CE).
- La tassazione degli interessi e delle royalties nell’ordinamento comunitario e nel Modello OCSE.
3) L’IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO. PROFILI TRANSNAZIONALI E COMUNITARI.
- Le fonti.
- L’Iva intracomunitaria. Tassazione nel paese di origine o di destinazione.
- IVA, tassazione dei consumi e tributi doganali.
- Le cessioni IVA all’esportazione ed all’importazione.
- Il commercio elettronico.
- I controlli fiscali e lo scambio di informazioni.
4) LA PIANIFICAZIONE FISCALE INTERNAZIONALE
- Evasione, elusione e legittimo risparmio di imposta.
- Le tecniche elusive infragruppo.
- Il transfer pricing. I diversi metodi di determinazione del prezzo di trasferimento. L’eliminazione delle doppie imposizioni in caso di rettifica di prezzi di trasferimento.
- La thin capitalization.
- La disciplina sulle Controlled Foreign Companies.
- Interposizione e trust.
Testi di riferimento
Per i FREQUENTANTI si consiglia:
Pasquale Pistone, Diritto Tributario Internazionale, Torino, GIAPPICHELLI, ultima edizione.
Per i NON FREQUENTANTI si consiglia:
Roberto Cordeiro Guerra, Diritto Tributario Internazionale. Istituzioni; CEDAM, ultima edizione.
In relazione alla parte di programma relativa all'IVA nei rapporti internazionali ed ai tributi doganali, si rinvia allo studio degli specifici paragrafi del manuale di F. Tesauro, Istituzioni di Diritto tributario Vol. 2 (parte speciale), Torino, UTET, ultima edizione.
Per coloro che FREQUENTANO i SEMINARI di approfondimento in Inglese, si consiglia:
Marjaana Helminen, EU Tax Law - Direct Taxation, IBFD, Amsterdam, ultima edizione versione E-BOOK
La normativa nazionale, convenzionale e comunitaria nonché la documentazione giurisprudenziale e la prassi amministrativa può essere rinvenuti nel sito internet del Ministero dell’Economia e delle Finanze (http://def.finanze.it/DocTribFrontend/RS1_HomePage.jsp), nel sito dell’International Bureau of Fiscal Documentation (www.ibfd.com) e nel sito OECD http://www.oecd.org/tax
Obiettivi formativi
Il corso si pone l’obiettivo di fornire una preparazione approfondita e specialistica sui diversi modelli impositivi presenti negli ordinamenti degli Stati, sulle problematiche della tassazione su base internazionale delle persone fisiche e delle società con particolare riferimento ai flussi di reddito infrasocietari, alla pianificazione fiscale internazionale ed, infine, al commercio internazionale ed ai profili comunitari ed internazionali dell’imposizione indiretta. L’insegnamento mira a fornire allo studente gli strumenti terminologici, concettuali ed argomentativi per comprendere le dinamiche applicative della fiscalità internazionale con particolare riferimento alla fiscalità delle persone fisiche, delle società e del commercio internazionale.
Prerequisiti
E’ consigliabile sostenere l’esame solo dopo aver sostenuto gli esami di Diritto Internazionale, Diritto dell’Unione Europea, Diritto Commerciale e Diritto Tributario, ove previsti dai programmi di studio.
Metodi didattici
Lezioni classiche in Italiano e seminari facoltativi di approfondimento in Inglese, dedicati allo studio dei materiali della tassazione internazionale
Agli studenti interessati all’assegnazione delle tesi si consiglia di frequentare le lezioni.
In particolare la didattica di base verrà svolta con metodo classico in lezioni di 2 ore ciascuna, in base al calendario accademico ed all’orario approvato. Nel corso delle lezioni si favorirà l’interazione fra docente e studenti, verbalmente, prendendo spunto dai profili di maggiore interesse dei temi trattati.
I seminari di approfondimento -sempre di 2 ore ciascuno, in base a a calendario ed orario approvati- verranno svolto prevalentemente in lingua Inglese, ed avranno ad oggetto lo studio dei materiali e della documentazione su cui è imperniata la fiscalità internazionale (trattati internazionali, sentenza delle Corti Europee ed Internazionali, modulistica e contrattualistica internazionale ecc.).
Altre informazioni
Ricevimento studenti: Prof. Lorenzo del Federico: ogni mercoledì pomeriggio dalle ore 14,30 alle 16,30 presso il Dipartimento di Scienze Giuridiche e Sociali. Altri collaboratori di cattedra: ogni mercoledì pomeriggio dalle ore 14,30 alle 16,30 sempre presso il Dipartimento di Scienze Giuridiche e Sociali.
Numero di telefono: 085/4537621; E-mail: lorenzo.delfederico@unich.it
Agli studenti interessati all’assegnazione delle tesi si consiglia vivamente di frequentare le lezioni.
Modalità di verifica dell'apprendimento
E' vivamente consigliato sostenere l'esame soltanto dopo aver superato l'esame di Diritto Tributario.
Lo svolgimento dell'esame avverrà in forma orale, mediante formulazione di tre domande, su parti differenziate del programma. Ad ogni domanda/risposta sarà attribuito lo stesso peso; il voto sarà espresso in trentesimi.
La frequenza è facoltativa, ma vivamente consigliata; la prova finale sarà identica per frequentanti e non, salvi i diversi testi consigliati.

Avvisi

Nessun avviso in evidenza

Documenti

Nessun documento in evidenza

Scopri cosa vuol dire essere dell'Ud'A

SEDE DI CHIETI
Via dei Vestini,31
Centralino 0871.3551

SEDE DI PESCARA
Viale Pindaro,42
Centralino 085.45371

email: info@unich.it
PEC: ateneo@pec.unich.it
Partita IVA 01335970693

icona Facebook   icona Twitter

icona Youtube   icona Instagram